Sant’Antoni in s’ierru, Bonaventura Licheri 1775

Questo componimento va ad inserirsi, all’interno dell’opera del Licheri, al vasto repertorio delle invettive col quale, in modo non tanto velato, lo stesso autore denuncia la commistione tra le liturgie cattoliche ed i retaggi della cultura pagana.

E lo fa ponendosi a servizio (da quanto si evince dagli scritti) di una fra le più emblematiche figure del 700 sardo: il gesuita Giovan Battista Vassallo. Questo personaggio, piemontese di nascita, si distinse per lo zelo con cui difese le prerogative dei gesuiti all’epoca dello scioglimento dell’ordine, ma soprattutto per l’apostolato che svolse visitando, a piedi, i paesi di mezza Sardegna; motivo per il quale morì in aura  di santità.

  Nonostante possano sorgere dubbi sulla posteriorizzazione dello scritto rispetto alla data della supposta visita a Cuglieri, i manoscritti originali del Licheri vennero sottoposti alla disamina del direttore dell’ “Antiquarium arborense” di Oristano, prof. Raimondo Zucca, il quale si pronunciò sulla genuinità degli scritti, permettendo al prof. Eliano Cau la pubblicazione dei testi di padre Bonaventura nel libro “Deus ti salvet Maria”, ed ai membri dell’associazione coro folclore-su cuncordu di cuglieri di porre mano alla ricostruzione della maschera, così come descritto dal testo, presentandola alla cittadinanza cuglieritana durante una conferenza nel febbraio del 2006.

La parte di sonetto qui di seguito riportata è dedicata al Paese di Mamojada, che in antichità veniva chiamata Mamujone. In questo sonetto viene descritta la festa di Sant’Antonio le nostre maschere che vengono chiamate dal Licheri,  Carrigados, ed è da qui che prende il nome questo sito.

Pro Antoni sa ‘ia

leamus de Mamujone,

totu in orazione

in numen Santu.

 

Sa fioca in amantu,

totu s’adde bianca,

su nie a mesu anca,

astrau e bentu.

 

Su fumu ‘e su cumbentu,

nos giamat dae lontanu,

amparu cristianu,

est beneitu.

 

Cuerru pro su fritu,

caridad’e assistentzia,

divina providenzia,

nos at mandadu.

 

Pro su disamparadu,

tristu e bisonzosu,

su coro piedosu,

pesat sa manu.

 

Totus, su pilicanu,

o de sa prima ‘essida,

nos dat sa ben’enida

cun bonu coro.

 

Cun sos donos insoro,

animan su meschinu,

chi a inoghe peregrinu,

est arrividu.

 

Iscuru e firtu at bidu,

cun tanta suferenzia,

de Deus sa clemenzia

brujat s’inghenia.

 

Sos dolores allenia,

Babbu in sufogulone

oe totu Mamujone

est sena chertu.

 

Sos cantos a cunzertu,

chi parent a porfia

faghen’un’armonia,

est cumovente.

 

Ballat totu sa zente,

a tundu a lugh’e fogu,

sa bellesa ‘e su logu,

comunione.

 

Cun peddes de murone,

de matzon’e isbirru,

brincat in dogni chirru,

sos garrigados.

 

Pro Antoni tramudados,

che unu malu inimigu,

cun caratzas de ortigu,

unu conflitu.

 

Non timene su fritu,

faghen boghes de craba,

a ighiriu pan’e saba,

binu nieddu.

 

Barras de aineddu,

a garrigu in s’ischina,

ligadas a istentinas,

sonant in costas.

 

A ischina ‘e pische postas,

faghent sonu ‘e matraca,

e cun suncorru ‘e s’aca

arrepicadas.

 

Che animas dannadas,

sunt pro frade Vassallu,

chi amonit su ballu,

preiga fata.

 

De s’urtzu sa cumbata,

est de puntu paganu,

pro santu cristianu,

no est permitidu.

 

Chi siat isperdidu,

su fagher pecadore,

ca pro Nostru Segnore,

est pagania.

 

Pro Antoni sa ‘ia.


Bonaventura Licheri fu gesuita.

Missionario in patria e predicatore popolare, percorse gran parte dell’Isola in compagnia del p. Vassallo; confortatore di traviati e di banditi, fu attento a rimettere o a confermare nella fede religiosa i conterranei, e a stimolarne la costanza nella onesta occupazione di vita agricola e pastorale.

Per il popolo e in logudorese dettò poesie armoniose, dense di profondo valore spirituale e umano. Molti suoi componimenti poetici, rimasti vivi nel popolo, ora riacquistano il loro pregio letterario e linguistico.

Anche dopo la soppressione dell’Ordine ignaziano egli continuò tra gli umili la sua opera di educazione civile e religiosa.

Neoneli ha dedicato al suo figlio illustre una delle migliori vie interne del paese.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.